Storie

Jason, un bambino capace di sognare | Sport for All

Jason è felice di giocare coi suoi compagni!

«Finalmente mi sento parte di una squadra!», esclama tutto d’un fiato Jason. 7 anni.

I suoi occhi azzurri brillano e sente l’esigenza di raccontare quanto sia bello avere un “appuntamento fisso” con il calcio: entrare in campo e condividere con i suoi compagni questa grande passione che ha visto prendere forma con il progetto “Sport for All” grazie alla collaborazione tra Fondazione Milane il Polo Educativo Spazio47 di Fondazione Èbbene.

I giovani, come Jason, che partecipano al progetto, soffrono di disturbi del comportamento e dell’apprendimento, hanno lievi deficit cognitivi, disturbi dello spettro autistico e crisi emotive, oltre a dover registrare, purtroppo, forti atteggiamenti oppositivi e di bullismo.

Il progetto, infatti, si impegna a incentivare l’inclusione sociale di persone con disabilità attraverso lo sport, avendo ricadute positive sulle comunità di appartenenza dei giovani:“Sport for All” rende  l’offerta sportiva aperta a tutti, senza distinzioni o barriere di alcun tipo, tramite attività di sport integrato che permettono a persone che presentano caratteristiche, sensibilità ed abilità diverse di scendere in campo per divertirsi e crescere insieme.

Jason è un bambino timido che ama andare a scuola e confrontarsi con i suoi coetanei. Ha un carisma innato che sta rafforzando grazie al progetto “Sport for All”: «adesso posso giocare con i miei coetanei senza dover cedere il campo sempre agli stessi ragazzi, che vedevano noi piccoli come un intralcio». Nel quartiere di San Cristoforo vige la legge del più forte e spesso i bambini come Jason vengono emarginati dal gioco diventando così solo spettatori. I suoi occhi invece sono luminosi mentre racconta quanto sia tutto cambiato, dall’inizio del progetto “Sport for All”, presso il Polo Educativo Spazio47. Durante le partite e gli allenamenti «riusciamo a giocare anche con i più grandi, adesso, senza litigare» ma sottovoce e sorridendo confida che preferisce la squadra dei suoi coetanei. Gioca con un’energia che lo trascina lontano da quelle responsabilità che caratterizzano le periferie, Jason sa di avere un’opportunità preziosa e mette in campo i suoi sogni. In campo si sente un campione! – Ci racconta con un sorriso.

Entra in squadra anche tu e sostieni Jason!