MILAN GLORIE: VITTORIA 7-5 A HELSINKI

Bella vittoria del Milan Glorie che ad Helsinki ha vinto venerdì 7-5 il charity match contro le leggende dell'HJK Helsinki.

MILANO - Il Milan Glorie continua a vincere, dopo la vittoria a Toronto per 2-0 contro il Benfica Legends, gli storici giocatori rossoneri si sono imposti anche ad Helsinki contro le leggende dell'HJK Helsinki per 7-5.

La partita si è disputata venerdì allo stadio Sonera di Helsinki, stadio che ospita le partite dell'HJK, in un'atmosfera piena di entusiasmo che come sempre circonda le glorie rossonere.

Parte dell'incasso, e dei proventi derivanti dalle varie sponsorizzazioni, è stato devoluto a Fondazione Milan e ad una associazione dell'HJK che aiuta i bambini più bisognosi.

La partita è stata rocambolesca e divertente, i rossoneri sono passati in vantaggio e hanno subito allungato fino al 3-0. Poi, però, è venuta fuori la squadra padrona di casa riportando il risultato in parità. La sfida è proseguita in modo molto vivace e spettacolore sotto il punto di vista delle occasioni da gol ed è terminata con il risultato di 7-5 per il Milan Glorie grazie alla prima doppietta, con le Glorie, di Bobo Vieri, e ai gol di Massaro, Vierchowod, Di Canio, Ba oltre che ad un'autorete.

La partita contro l'HJK è stato l'esordio con il Milan Glorie di Carlo Cudicini, inoltre Nelson Dida è stato schierato in attacco con il numero 99 in onore di Ronaldo. Infine Stefano Nava, Daniele Massaro e Carlo Cudicini si sono fermati in Finlandia per disputare un torneo locale di golf.

Selezionate per te

Fondazione Milan e UNHCR insieme in Niger

Taglio del nastro per il nuovo impianto sportivo costruito grazie a Fondazione Milan. In campo decine di ragazzi e ragazze rifugiati evacuati in Niger dai centri di detenzione libici. Presente l'attore Raz Degan

Fondazione Milan insignita del premio "Paola Sarro"

Un importante riconoscimento per la onlus rossonera

Fondazione Milan in the community: incontri di valore

Il primo appuntamento del progetto ha visto protagonisti Mattia Caldara e Francesca Vitale: il racconto